Bondi: Il voto darebbe un contributo ad affrontare i problemi

Le scelte politiche dalle quali dipende il nostro futuro non potranno essere prese se non democraticamente dai cittadini

Sandro Bondi

"Sono sempre più convinto che un contributo a affrontare i problemi posti dalla crisi economica, resi ancora più drammatici dalle assurde imposizioni dell’Europa, potrà venire solo dalla libera espressione della volontà popolare, che fino a oggi é stata deliberatamente tenuta all’oscuro sia dalla conoscenza delle implicazioni delle scelte assunte dall’Italia a livello internazionale, sia dalla possibilità di esprimere il proprio giudizio sui provvedimenti che i governi assumono per affrontare le conseguenze della crisi".
 
Lo ha affermato il coordinatore nazionale del Pdl, Sandro Bondi. "E’ bene che tutti si convincano che le scelte politiche discriminanti dalle quali dipende il nostro futuro non potranno essere prese se non democraticamente dai cittadini. Affidarsi solamente ai partiti, reputando che essi debbano guidare illuministicamente i cittadini, o ancor peggio a cosiddetti tecnici, ai quali si conferisce un potere taumaturgico, si rivelerà un tragico abbaglio".

 

Altre notizie