Mauro e Bondi: Il Manifesto per l'Europa

Senza un passo deciso verso l'unitÓ politica dell'Europa verso il traguardo storico degli Stati Uniti d'Europa

Mario Mauro

"Senza un passo deciso verso l’unità politica dell’Europa, verso il traguardo storico degli Stati Uniti d’Europa, anche i sacrifici e gli sforzi che stiamo facendo potrebbero essere inutili, e condurre al contrario ad una rinascita di nazionalismi e ideologie che storicamente hanno creato le condizioni di esiti tragici. Per questo rivolgiamo un appello a tutte le forze politiche, in particolare ai giovani, affinché prendano in mano in prima persona la bandiera di un’Europa unita sulla base dei valori della democrazia, della solidarietà, della libertà e del progresso".

Lo affermano il coordinatore nazionale del Pdl Sandro Bondi ed il presidente dei deputati del Pdl al Parlamento europeo, Mario Mauro, in un Manifesto per l’Europa pubblicato oggi su Ragionpolitica.it.

"Le regole che l’Europa decide di assumere non possono derivare dalla volontà di una singola Nazione, per quanto importante essa sia o da trattative fra direttori formati da due o più governi, ma devono essere il frutto di decisioni collegiali. Riteniamo che il governo Monti debba svolgere un ruolo ancor più attivo e fermo nei consessi europei a favore di una rinegoziazione dei trattati che riguardano la riduzione dei disavanzi pubblici, compiendo un passo avanti più netto e consapevole verso l’unità politica del Continente. E’ altrettanto necessario, inoltre, che per evitare un ulteriore avvitamento della recessione e per promuovere una crescita che é essenziale per procedere sia pur gradualmente all’abbattimento dei debiti accumulati nel passato, rivedere i compiti della Banca Centrale Europea e mutualizzare, nelle forme in cui sarà possibile, il debito degli stati che aderiscono all’unione europea".

Altre notizie