Referendum: Ad Alba non si pu˛ firmare

I quesiti promossi dai Radicali

Logo PDL

“Sabato sono state raccolte molte firme e almeno per due giorni i moduli non saranno disponibili". E’ questa la motivazione che gli uffici della segreteria comunale di Alba, in provincia di Cuneo, hanno dato ad alcuni militanti del Pdl locale che desideravano firmare per i referendum sulla giustizia giusta, promossi dal partito Radicale e appoggiati appena qualche giorno fa dal presidente Silvio Berlusconi.

 

Risultato: nessuno ha potuto firmare. Tra i presenti, alcuni, già in viaggio per motivi di lavoro, hanno dovuto richiedere una copia del certificato di iscrizione nelle liste elettorali, in modo tale da poter firmare nei banchetti presenti nelle varie città italiane. Ed è quello che si consiglia di fare a quanti si trovassero in una situazione simile, oltre a segnalare il problema a: info@referendumgiustiziagiusta.it

 

Intanto su Twitter monta la protesta e qualcuno scrive ironicamente: "Alba, Cuneo. Non si può firmare per i referendum sulla #giustiziagiusta. In comune sono "finiti" i moduli. Casualità: il Sindaco è del Pd.” Speriamo che questo sia un caso isolato, l’eccezione che non fa regola.

Altre notizie